Konga versione 1.8.0

La versione 1.8.0 è disponibile per il download. Questa nuova versione, oltre a prevedere molte nuove funzionalità per i nostri utenti, prevede anche una importante novità di tipo “strutturale” o, come si usa dire, “sotto il cofano”, nel motore del programma.

Sino alla versione 1.7.x Konga era stato sviluppato utilizzando la versione 2.7.x del linguaggio di programmazione Python, nella versione 1.8.0 è stata eseguita la migrazione alla nuova versione 3.8.x di Python. Questa differenza di tecnologia non avrà ripercussioni evidenti nell’uso quotidiano del programma, ma può essere una differenza molto significativa per chi ha integrato Konga con programmi esterni, oppure per chi ha esteso le funzionalità del programma tramite le funzionalità di “scripting”. La versione 2 di Python è stata dichiarata “end of life” a partire dal 1° Gennaio 2020 (https://www.python.org/doc/sunset-python-2/) e l’aggiornamento alla versione 3.8.x ci permette di avere sempre un programma aggiornato in termini di sicurezza informatica e di compatibilità con i nuovi sistemi operativi. Il passaggio alla nuova versione di Python potrebbe richiedere degli aggiornamenti specifici, caso per caso, nelle seguenti aree del programma:

  • Stampe personalizzate che utilizzano direttamente il linguaggio di scripting
  • Azioni esterne (lato client), ad esempio post-process dei documenti elettronici
  • Script personalizzati (comandi del menù Script di Konga)
  • Script pianificati (di tipo batch) che utilizzano Python e la libreria kongalib

Abbiamo già eseguito, prima del rilascio, una operazione di verifica di compatibilità e aggiornamento per tutti gli utenti di cui abbiamo conoscenza diretta dell’utilizzo di questo tipo di tecnologie. Siamo, come al solito, a disposizione per dare consulenza agli utenti che non fossero stati coinvolti in questa attività di verifica e che debbano eseguire la migrazione a Python 3.8.x prima dell’aggiornamento alla nuova versione di Konga.

Qui sotto sono riportate le differenze principali rispetto alla versione precedente (1.7.2).

  • Aggiunta la possibilità di visualizzare i documenti elettronici per singolo anno solare
  • Aggiunta l’opzione “Escludi i movimenti di chiusura” nella stampa del bilancio di verifica
  • Aggiunto il campo “Giorni Aggiuntivi” nelle condizioni di pagamento
  • Aggiunta la possibilità di definire i sottoconti dei ratei e risconti per singola scheda contabile
  • Aggiunta la possibilità di memorizzare lo storico per data per i tassi di cambio
  • Aggiunta la possibilità di generare una fattura elettronica con sconti sia di riga, sia di testata
  • Aggiunta la verifica del documento prima della conferma per i documenti fiscali
  • Aggiunta la gestione delle quantità pronte per gli ordini da clienti
  • Aggiunta la gestione del controllo di qualità per gli ordini da clienti
  • Aggiunta la stampa delle etichette degli articoli dalla scheda dell’ordine da cliente
  • Aggiunta la gestione del dettaglio di scadenze e pagamenti nelle partite aperte
  • Aggiunta la stampa “Situazione dichiarazioni di intento clienti”
  • Aggiunta la gestione Dati Intrastat integrata con la prima nota
  • Aggiunta la possibilità di memorizzare i dati dell’indice “full-text” nel file system invece che nel database
  • Aggiunta la possibilità di configurare sino a 10 campi aggiuntivi con etichetta personalizzata
  • Aggiunta la funzionalità della pratica di reso per il modulo POS
  • Aggiunta la possibilità di disabilitare la cancellazione automatica dei back-up pianificati
  • Aggiunta la possibilità di escludere l’indice di ricerca dai back-up
  • Aggiunta la richiesta di ottimizzazione periodica dei database di tipo SQLite
  • Modificata la stampa degli scadenzari: è stata prevista l’opzione per avere il dettaglio dei pagamenti già ricevuti
  • Modificata la stampa dei solleciti di pagamento: è stata prevista l’opzione per riportare sul sollecito anche le scadenze future, oltre allo scaduto pregresso
  • Modificata la stampa delle disposizioni di pagamento: è ora possibile selezionare i pagamenti da eseguire in base al gruppo assegnato dall’utente
  • Modificate le scadenze delle partite aperte in modo da prevedere un collegamento con lo stato dell’effetto in caso di pagamento tramite RiBa o RID
  • Modificata la generazione RiBa / RID: ora, per gli utenti che non generano il giroconto a portafoglio effetti al momento della conferma della fattura, è possibile richiedere il giroconto a portafoglio effetti nel momento della generazione RiBa / RID
  • Modificata la modalità di visualizzazione degli “stati” dei documenti, facendo in modo di abbinare una icona di colore diverso per ogni stato. Gli archivi interessati sono: Preventivi, Ordini da Clienti, Ordini a Fornitori, Documenti Fiscali e Documenti Elettronici
  • Modificate le preferenze del programma in modo che sia possibile abilitare / disabilitare la modalità “full-screen” per le finestre di Konga
  • Modificata ed estesa la politica di gestione delle password della gestione utenti
  • Modificata la fatturazione differita: aggiunta l’opzione “Ignora l’agente in testata nel raggruppamento dei DdT da fatturare”
  • Modificata la gestione del menù “Script”: ora è possibile raggruppare gli script nelle cartelle (menù gerarchico) ed eseguire la gestione dei pacchetti aggiuntivi (librerie Python) direttamente dall’interno di Konga
  • Corretto un errore nel calcolo dello sconto di riga, quando lo sconto è un valore assoluto e la quantità è maggiore di uno
  • Corretto un errore nella generazione dei file in formato Excel in presenza di immagini nelle stampe
  • Corretto l’aggiornamento delle partite aperte al momento dell’archiviazione di un esercizio: in alcuni casi particolari era possibile che venissero scollegate dalla prima nota anche delle partite aperte relative a registrazioni di prima nota non ancora “archiviate”
  • Corretta la gestione del numero di pagina iniziale per la stampa “Giornale di magazzino”
  • Correzioni varie

Le modalità di aggiornamento sono quelle usuali: tramite l’aggiornamento automatico**, oppure la nuova versione può essere scaricata utilizzando i link che trovate nella pagina di download del sito di EasyByte Software.

Documenti Elettronici

Visione a lista dei documenti elettronici

Nella visione a lista dei documenti elettronici è ora possibile limitare la lista ad un singolo anno solare (selezione “Mostra Anno), oppure indicando “Tutti” verrà mostrato l’intero contenuto dell’archivio.

Tassi di Cambio

Scheda della tabella Tassi di Cambio

La tabella dei tassi di cambio ora prevede la possibilità di abbinare la data ad ogni tasso di cambio storico, in tal modo quando si utilizzerà una determinata valuta con una specifica data cambio, il programma tenterà di proporre il tasso di cambio corretto in base alla data specificata, in caso di mancata corrispondenza della data, verrà proposto – se presente – il tasso di cambio precedente alla data indicata.

Condizioni di pagamento

Il nuovo campo “Giorni aggiuntivi” della tabella delle condizioni di pagamento permette la creazione di condizioni di pagamento ancora più flessibili: ad esempio ora è possibile creare una condizione di pagamento “30 gg fine mese + 10 giorni”. I giorni aggiuntivi, se indicati, verranno aggiunti alla fine: alla data di scadenza ottenuta utilizzando tutti gli altri parametri della scadenza calcolata.

Schede contabili – Ratei e risconti

Scheda contabile

Nelle schede dei ricavi e dei costi di tipo sottoconto è ora possibile specificare i sottoconti da utilizzare per la generazione delle registrazioni automatiche dei ratei e dei risconti: se presenti, verranno utilizzati i sottoconti indicati invece di quelli presenti nella sezione “Ratei e risconti” dei Codici Fissi.

Bilancio di Verifica

Stampa del bilancio di verifica

Eseguendo la stampa del bilancio di verifica “Sino alla registrazione in data…” è ora possibile che il programma escluda tutte le registrazioni che utilizzano le causali contabili di chiusura, presenti nella sezione Contabilità della tabella Codici Fissi:

  • Chiusura patrimoniale
  • Chiusura profitti e perdite
  • Risultato di esercizio

In tal modo, quando si desidera eseguire la stampa del bilancio di verifica di un esercizio che è già stato chiuso, invece di ottenere un bilancio di verifica con i saldi uguali a zero, sarà possibile ottenere i saldi nel momento precedente alla generazione delle registrazioni contabili di chiusura. 

Fatture elettroniche

Preferenze del programma – Vendite

A differenza delle versioni precedenti, ora il programma di default indica nelle fatture elettroniche sia lo sconto di riga, sia lo sconto di testata. Considerando i limiti del formato della fattura elettronica versione 1.2, non è mai consigliato utilizzare sia sconti di riga, sia sconti di testata contemporaneamente in fattura: si corre il rischio che il SDI scarti la fattura elettronica a causa di arrotondamenti che non possono essere espressi nell’attuale formato XML (quando a Ottobre 2020 si passerà al nuovo formato, questo problema sarà risolto). Nel caso in cui si desideri tornare alla modalità precedente per la generazione della fattura elettronica, sarà necessario abilitare un’opzione nelle Preferenze del programma: “Ometti lo sconto di testata nelle fatture elettroniche”, in questo caso la fattura elettronica verrà generata con gli importi netti già diminuiti dello sconto di testata, evitando i problemi di arrotondamento e quadratura del totale di riga.

Configurazione azienda – Vendite

Configurazione Azienda – Vendite

Verifica del documento prima della conferma

Il pulsante Esegui Verifica

Abilitando l’opzione “Richiedi la verifica del documento prima della conferma”, il programma impedirà di confermare il documento fiscale quando il campo “documento verificato” non è impostato uguale a “sì”. Utilizzando il pulsante “Esegui Verifica” verrà mostrato il pannello di verifica.

Pannello di verifica del documento fiscale

Nel pannello di verifica sarà necessario richiamare i codici degli articoli che compongono il documento (manualmente o tramite l’uso di un lettore ottico) e confermare di avere eseguito la verifica premendo il pulsante “Verificato”. Una volta verificati tutti gli articoli, premendo il pulsante “Ok”, il documento risulterà verificato e sarà possibile confermarlo.

Fatturazione differita – Ignora l’agente nel raggruppamento

La nuova opzione “Ignora l’agente in testata nel raggruppamento dei DdT da fatturare”, modifica i criteri di raggruppamento dei DdT per la fattura differita: abilitando questa opzione, sarà possibile raggruppare in un’unica fattura differita anche DdT che non hanno lo stesso agente di vendita della intestazione del documento. Ai fini del raggruppamento dei DdT verrà emessa una sola fattura – senza codice agente – ma, ai fini delle provvigioni, rimarrà valido il codice agente presente sulle singole righe del DdT e, di conseguenza, della fattura differita.

Configurazione azienda – Ordini da cliente

Configurazione Azienda – Ordini da cliente

Abilita la gestione delle quantità pronte

 

Griglia delle righe dell’ordine con gestione quantità pronte

Abilitando la gestione delle quantità pronte per gli ordini da clienti, verranno mostrate due colonne in più nella griglia delle righe degli ordini: la colonna di “Stato” e la “Quantità pronta”. Lo stato viene evidenziato riga per riga confrontando la quantità ordinata e la quantità pronta: il colore verde (**) indica una riga pronta, il colore grigio (*C) indica una riga pronta ma non ancora controllata – vedere il paragrafo seguente – il colore giallo (*P) indica una riga parzialmente pronta e il colore rosso (–) indica una riga non pronta. La quantità pronta può essere immessa manualmente dall’utente, oppure utilizzando l’icona della “bacchetta magica” presente nel campo, il programma propone automaticamente la quantità che risulta disponibile in quel momento.

L’insieme dello stato delle singole righe contribuisce poi alla valorizzazione del campo “Stato pronto”, che può essere visualizzato nella visione a lista. Il valore di questo campo può dipendere anche dalla eventuale abilitazione del controllo di qualità; i valori previsti sono:

  • — Non Pronto
  • *P Parzialmente Pronto
  • *C Pronto (da controllare)
  • ** Pronto

Visione a lista degli ordini clienti con il campo Stato Pronto visualizzato

Abilita la gestione del controllo qualità

Campo Controllo Qualità nella griglia delle righe degli ordini

Abilitando l’opzione “Abilita la gestione del controllo di qualità”, verrà visualizzata una colonna aggiuntiva nella griglia delle righe dell’ordine cliente: “Controllo qualità”; si tratta di un campo con una casella di spunta che, quando selezionata, indica che, per i prodotti della riga in esame, il controllo di qualità è stato eseguito. L’informazione sul controllo di qualità ha poi effetto sia sullo stato della riga, sia sullo “Stato Pronto” dell’intero ordine.

Etichette da ordine cliente

Ordine da cliente – Pannello di stampa etichette

È stata aggiunta, alla scheda degli ordini da clienti, la stampa contestuale delle etichette dei prodotti presenti nell’ordine. Eseguendo la stampa il programma proporrà una finestra dove l’utente può decidere se stampare le etichette per tutti gli articoli dell’ordine, selezionare riga per riga e modificare la quantità delle etichette da stampare. Nel caso in cui sia stata abilitata la “gestione della quantità pronta”, invece di proporre in stampa le quantità presenti nell’ordine, verranno proposte le sole quantità pronte.

Situazione dichiarazione di intento clienti

Stampa Situazione dichiarazioni intento clienti

Questa stampa elenca in dettaglio quali sono le fatture che contribuiscono al “consumo” degli importi delle dichiarazioni di intento abbinate ai clienti.

Pratica di reso – modulo POS

Con l’introduzione dei “registratori telematici” (RT) è obbligatorio utilizzare un’apposito documento di reso per poter annullare la vendita di un prodotto che viene restituito o che viene reso per poi essere sostituito con un altro. Nella sezione delle operazioni di cassa è stato aggiunto il pulsante “Pratica di reso”.

Premendo il pulsante “Pratica di reso”, verrà richiesto l’inserimento del numero del documento originale di vendita nella forma di codice ZZZZ-NNNN e data, entrambi riportatati sullo scontrino. ZZZZ è il cosiddetto “numero di azzeramento”, ed è un progressivo a quattro cifre che viene gestito ed incrementato dal misuratore fiscale ogni volta che viene fatta una chiusura di cassa; NNNN invece è il numero dello scontrino giornaliero, sempre a quattro cifre. Di solito ZZZZ-NNNN e data vengono riportati in fondo allo scontrino.
Una volta inseriti i dati dello scontrino di partenza, verrà fatta una verifica con l’agenzia delle entrate e se non c’è corrispondenza con gli scontrini emessi, verrà riportato un errore. Se la verifica va a buon fine, Konga tornerà alla schermata di emissione scontrini ma in modalità pratica di reso: ogni articolo aggiunto verrà stampato come reso all’interno della pratica. Sarà possibile richiedere il subtotale ed applicare sconti, e quando si è terminato, basterà premere su “stampa pratica di reso”. Stampata la pratica, Konga tornerà automaticamente alla normale modalità di emissione scontrini.

Configurazione del database

Indice di ricerca nel File System

Configurazione database – Avanzate

Sino alla versione 1.7.2 del programma, l’indice di ricerca “full-text” veniva sempre memorizzato nelle tabelle del database. A partire dalla versione 1.8.0 i nuovi database vengono impostati automaticamente con l’indice di ricerca “full-text” memorizzato nel file system. Registrando l’indice di ricerca nel file system si ha il vantaggio di mantenere la dimensione del database più piccola e, di conseguenza, anche la lettura e la scrittura dei dati sarà più veloce. Per i database creati con le versioni precedenti del programma l’impostazione rimarrà quella di registrare l’indice nel database; per passare alla nuova modalità, sarà necessario modificare l’impostazione nella configurazione del database. Occorre tenere in considerazione che l’operazione di migrazione dalla modalità “database” a “file system” o viceversa potrebbe richiedere un tempo che è proporzionale alla mole dei dati da spostare.

Politica di gestione delle password

Configurazione del database – Sicurezza

I parametri che definiscono la politica di sicurezza delle password sono stati estesi in modo da permettere un controllo più “fine”, prevedendo una lunghezza minima e l’obbligatorietà di caratteri minuscoli, maiuscoli, numeri e simboli speciali.

Campi aggiuntivi con etichetta personalizzata

Configurazione del database

Configurazione del database – Riferimenti aggiuntivi

Per gli archivi di:

  • Articoli
  • Clienti
  • Fornitori
  • Indirizzi
  • Contatti
  • Documenti fiscali
  • Ordini da clienti
  • Ordini a fornitori
  • Preventivi
  • Carico-scarico

Sono stati previsti sino ad un massimo di 10 campi denominati “Riferimento aggiuntivo N” (ognuno di un massimo di 120 caratteri alfanumerici). Per ognuno di questi campi è ora possibile personalizzare l’etichetta a livello di database. Ad esempio, avendo la necessità di memorizzare per gli articoli di magazzino un attributo che Konga non prevede nella sua configurazione “di fabbrica”, ad esempio il colore del prodotto, sarà sufficiente impostare l’etichetta del campo e abilitare la sua visualizzazione nella scheda.

Nel caso della scheda dell’articolo di magazzino, i riferimenti aggiuntivi verranno visualizzati nella sezione “Openlink”, per i clienti, fornitori, documenti fiscali, ordini da clienti, ordini a fornitori e preventivi nella sezione “Extra”, per gli indirizzi e i contatti nella scheda principale, per il carico-scarico nella sezione “Attributi”.

Configurazione del server

Configurazione del server – Avanzate

Cancella anche i backup pianificati: questa opzione permette di disabilitare la cancellazione automatica dei back-up pianificati, può risultare utile quando è necessario usare un file di backup molto vecchio: avendo la cancellazione automatica dei back-up impostata a N giorni vi sarebbe il rischio che il programma elimini il backup prima che l’utente riesca ad eseguirne il ripristino.

Includi indice di ricerca nei backup: a partire dalla versione 1.8.0 i back-up non includono più di default i dati dell’indice di ricerca “full-text”, in modo da avere – di default – dei file di back-up di dimensioni più piccole. Questo significa che ogni qualvolta si dovesse ripristinare il back-up, l’indice di ricerca verrebbe ricreato da zero. Tramite questa opzione è possibile fare in modo di includere anche i dati dell’indice di ricerca nel file di back-up.

Scadenzari

Stampa Scadenzari

Selezionando l’opzione “Stampa dettaglio pagamenti”, il programma riporterà, per le scadenze parzialmente pagate, i dati di dettaglio dei pagamento già eseguiti per la scadenza in esame.

Solleciti di pagamento

Stampa dei solleciti di pagamento

Selezionando l’opzione “Stampa dettaglio in scadenza”, nel corpo del sollecito di pagamento non verranno riportati solo gli importi delle fatture già scadute, verranno aggiunte anche le eventuali scadenze future, in modo da avvertire il cliente sia riguardo ai pagamenti in ritardo, sia riguardo ai pagamenti futuri.

Disposizioni di Pagamento

Per permettere di selezionare i pagamenti da eseguire senza essere obbligati a sospendere tutti quelli che non si desidera eseguire immediatamente, è stato introdotto un nuovo attributo delle scadenze: il campo “Gruppo”. Il gruppo può essere assegnato alla scadenza nella finestra che appare premendo il pulsante “Aggiorna” del pannello delle disposizioni di pagamento.

Una volta assegnato il gruppo (uno o due caratteri alfanumerici) alle scadenze che si desidera raggruppare e pagare, sarà possibile utilizzare il filtro “solo il gruppo di pagamento” per escludere tutti i pagamenti che non appartengono al gruppo appena assegnato.

Scadenze Partite Aperte e Portafoglio Effetti

Sono stati aggiunti due nuovi campi nella griglia delle scadenze delle partite aperte: “Nr. Effetto” e “Stato Effetto”. Questi due nuovi campi sono utili solo per le partite aperte generate automaticamente dalla conferma di un documento fiscale che abbia condizione di pagamento ricevuta bancaria o RID. Il programma assegna automaticamente il numero interno della scheda del portafoglio effetti alla scadenza, in modo da poter maniere un collegamento logico tra la scadenza e l’effetto. Gli stati dell’effetto previsti sono:

  • Non interessa
  • Inserito
  • Definitivo
  • Insoluto
  • Pagato

Nel momento in cui l’effetto viene presentato in banca lo stato passerà automaticamente a “Definitivo”, nel caso in cui l’effetto sia stato impostato a “Insoluto” tramite l’apposito pulsante della scheda dell’archivio portafoglio effetti, la partita si ri-aprirà e lo stato dell’effetto passerà in automatico a “Insoluto”. In modo simile quando effetto verrà dato per “Pagato”, lo stato dell’effetto sulla partita aperta si aggiornerà di conseguenza.

Questi due nuovi campi possono essere utili nel caso in cui Konga sia integrato con una gestione di tesoreria: utilizzando queste informazioni la tesoreria può sempre sapere in maniera puntuale qual è costato del pagamento della scadenza.

Generazione RiBa / RID

Se l’utente non ha abilitato l’opzione “Giroconto a portafoglio effetti fatture con pagamenti RiBa / RID”, nel pannello della stampa “Generazione RiBa / RID” sarà abilitata la possibilità di richiedere la “Generazione giroconto” al momento della conferma in definitivo degli effetti (invece di generare i giroconti al momento della conferma delle fatture). Abilitando l’opzione “Generazione giroconto a portafoglio effetti” e specificando la data di registrazione, verrà generata la registrazione in prima nota utilizzando la causale contabile indicata nella sezione fatturazione dei codici fissi.

Preferenze del programma

Preferenze del programma

Esempio di modalità “full-screen” abilitata / disabilitata

Il programma ora prevede di default di non abilitare la modalità “full-screen” per le finestre: con l’opzione “consenti a tutte le finestre di entrare in modalità fullscreen” abilitata, utilizzando il pulsante di ridimensionamento della finestra, la finestra passerà in modalità “full-screen”, invece con l’opzione disabilitata, la finestra verrà ingrandita, senza entrare in modalità “full-screen”.

Richiesta di ottimizzazione periodica per database SQLite

Avviso di richiesta ottimizzazione di database di tipo SQLite

Per gli utenti che utilizzano database di tipo SQLite potrebbe apparire il messaggio che vedete qui sopra, in figura, che avvisa dell’opportunità di eseguire periodicamente (ogni tre mesi circa) l’ottimizzazione del database. È consigliato eseguire l’ottimizzazione periodicamente, in tal modo l’accesso ai dati avviene sempre nel modo più veloce possibile; l’operazione può durare qualche minuto, a seconda delle dimensioni totali del database.

** L’aggiornamento automatico all’ultima versione non è previsto per le versioni server (daemon o servizio), questo significa che gli utenti del modulo “S” dovranno scaricare il programma di installazione e installare manualmente la versione aggiornata sulla postazione server. Per gli utenti della piattaforma Linux sarà sufficiente richiedere un aggiornamento software per scaricare il pacchetto aggiornato (da console: sudo apt-get upgrade).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.